Select Page

Regole del Golf modernizzate in vigore dal 2019

Regole del Golf modernizzate in vigore dal 2019

Dopo diversi anni di lavoro – il processo di modernizzazione è iniziato nel 2012 – che ha visto anche il coinvolgimento dei golfisti di tutto il mondo, l’R&A e la USGA hanno reso nota la versione 2019 delle regole del golf.

 

I principali motivi che hanno spinto i Rules Committee di R&A e USGA, a modernizzare le regole del golf sono stati:

– rendere le regole più semplici nella loro applicazione, evitando il più possibile che il giocatore incorra in penalità perché queste sono di difficile interpretazione;

– rendere il gioco del golf più accattivante, soprattutto per i neofiti;

– rendere il gioco più scorrevole e veloce;

– responsabilizzare maggiormente il giocatore per quel che riguarda l’onestà nell’applicazione delle regole, la lealtà verso gli altri giocatori e il rispetto verso il campo.

 

Sono stati decisi cambiamenti che influenzeranno in maniera considerevole il gioco. Tra gli altri possiamo indicare:

– Qualsiasi parte del campo – quindi, oltre a laghetti, fiumi o fossati, anche boschi, aree di rough incolto ecc. – potrà essere definita dal Comitato come “area di penalità” (che comunque include anche gli attuali ostacoli d’acqua, che spariscono come definizione). Il giocatore inoltre potrà appoggiare il bastone e toccare il terreno in qualsiasi momento (anche facendo degli swing di prova) nell’area di penalità.

– Quando la palla del giocatore giace in un’area di penalità o in bunker, non ci sarà penalità se il giocatore toccasse o muovesse un impedimento sciolto che si trova nella stessa area di penalità o bunker.

– Sul putting green il giocatore potrà riparare qualsiasi danno (inclusi quelli dei chiodi o quelli causati da animali), oltre i pitch mark o le vecchie buche. Inoltre non vi sarà più penalità se, indicando la linea di gioco, il green dovesse essere toccato (a condizione che non si schiacci niente). Sempre sul green il caddie potrà marcare e alzare la palla, anche senza l’autorizzazione del giocatore.

– Non ci sarà più penalità se, dopo aver giocato un colpo dal green, il giocatore dovesse imbucare con l’asta della bandiera nella buca; non ci sarà più penalità se il giocatore, dopo aver giocato un qualsiasi colpo, dovesse colpire sé stesso, il suo equipaggiamento o il suo caddie.

– Il comitato potrà inserire nelle condizioni di gara un “codice di condotta” –riparare i pitch-mark, rastrellare i bunker, rimettere a posto le zolle ecc. –  prevedendo penalità (un colpo, due colpi o squalifica), per l’infrazione al codice.

– A livello di gare di circolo (quindi non per campionati o gare di professionisti), il comitato potrà decidere di introdurre una regola locale che preveda due colpi di penalità e il droppaggio entro due bastoni, per una palla persa o fuori limite, come opzione aggiuntiva al classico “colpo e distanza”.

– Per cercare di velocizzare il gioco, il tempo di ricerca della pallina scenderà da 5 a 3 minuti e i comitati sono invitati a introdurre linee guida per l’esecuzione di un colpo (massimo 40 secondi).

– La palla non si dropperà più all’altezza delle spalle ma all’altezza delle ginocchia.

– In caso un giocatore dovesse inavvertitamente muovere la propria palla mentre la sta cercando, non ci sarà più penalità.

 

David Rickman, l’Executive Director-Governance del R&A, ha dichiarato: «Siamo felici di introdurre le nuove regole dopo un processo che ha visto coinvolti i golfisti, gli esperti di regole e gli amministratori da tutto il mondo. Siamo convinti che le nuove regole incontrino maggiormente le aspettative dei golfisti in quest’ambito, siano più facili da capire e da applicare da parte da chiunque pratichi con entusiasmo questo fantastico gioco».

I libretti delle regole saranno disponibili in tre diverse edizioni. Le Regole del Golf, che conterranno tutte le regole; un’Edizione per il giocatore, che sarà un condensato del libro con quelle regole che effettivamente servono in campo, corredate da illustrazioni; la Guida Ufficiale sulle Regole del Golf, che sostituirà il libro delle decisioni – attualmente in uso prevalentemente agli addetti ai lavori e arbitri – ma che conterrà anche la Guida per i Comitati, l’elenco delle Regole Locali utilizzabili e le regole modificate per giocatori con disabilità.

l Comitato Regole e Campionati della Federazione Italiana Golf ha già stabilito una sorta di “road map” per divulgare ufficialmente sul territorio nazionale le nuove regole (la FIG è l’unico organo autorizzato dal R&A alla divulgazione ufficiale delle Regole del Golf in Italia). Per prima cosa saranno convocati – organizzando incontri a livello zonale – gli arbitri, i direttori e segretari e le commissioni sportive.

Per “educare” i giocatori italiani invece (attraverso la collaborazione di arbitri e addetti ai lavori), sarà predisposta una presentazione “ad hoc” da mostrare in ogni circolo; la divulgazione ai golfisti non avverrà prima di ottobre 2018 (questo per non creare confusione tra le attuali regole, in vigore fino al 31 dicembre 2018). Inoltre è già stato predisposto il gruppo di lavoro che si occuperà della traduzione in lingua italiana.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

StyleGolf

Golf Club

Partners

Pin It on Pinterest